BENVENUTI

Nel sito web ufficiale della Camera Penale di Livorno

L'Associazione

scopri

Documenti

scopri

Gli Osservatori

scopri

Ultime notizie

Una raccolta degli ultimi articoli del sito web

Ultimi documenti

Il materiale a disposizione degli utenti

Icon
"IL PROCESSO PENALE COME STRUMENTO DI VENDETTA SOCIALE"
I recenti interventi normativi sul sistema penale, letteralmente sommersi da critiche e censure dei penalisti italiani affiancati da tutta l'Accademia e da parte della magistratura, incidendo pesantemente sulle garanzie e sui diritti dei cittadini, appaiono manifestamente contrari al quadro costituzionale, con particolare riguardo al principio della ragionevole durata dei processi di cui all’art. 111 della Costituzione.

Ne parleremo l’11 gennaio dalle ore 15 alle ore 19,00 con:

Anna Rossomando-Vicepresidente del Senato della Repubblica,

il Prof. Avv. Vittorio Manes - Ordinario di Diritto Penale Università di Bologna,

il Dott. Riccardo De Vito - Magistrato, Presidente di Magistratura Democratica,

l'Avv. Gian Domenico Caiazza-Presidente dell'Unione Camere Penali Italiane.

Coordinerà l'incontro l'Avv. Nando Bartolomei Presidente della Camera Penale di Livorno.
#savethedate

Icon
Suicidio nel Carcere di Livorno del 6 giugno 2018
Comunicato Camera Penale Livorno relativo al suicidio avvenuto
presso il Casa Circondariale di Livorno lo scorso 6 giugno 2018
Icon
Comunicato congiunto Ordine Avvocati Livorno Camera Penale di Livorno

Pubblichiamo il comunicato congiunto del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Livorno e di Camera Penale di Livorno nel quale, a seguito dell'incontro dello scorso 23.05.2018, vengono indicate agli iscritti le questioni  di maggiore urgenza che riguardano l’avvocatura penale, con un aggiornamento sullo stato delle iniziative assunte dal Consiglio dell’Ordine.

Icon
Delibera 63 Astensione 25-27 giugno 2018

Ecco la delibera della Giunta dell'Unione delle Camere Penali che ha proclamato l'astensione dalle udienze penali per i giorni 25-26-27 giugno 2018, organizzando il giorno 26 giugno una manifestazione a Bari per segnalare la gravità della situazione in cui versano gli uffici giudiziari baresi a seguito dello sgombero della sede del Tribunale e della Procura della Repubblica determinato del "rischio di crollo" degli edifici di Via Nazariantz, la cui fatiscenza era stata da molti anni denunciata e documentata ai competenti uffici ministeriali.

Tale situazione è emblematica della condizione in cui versa la giustizia del paese e dell'incuria dei governi che non hanno approntato negli ultimi anni seri investimenti di modernizzazione e potenziamento degli uffici giudiziari.

Icon
Norme per l’attuazione della separazione delle carriere giudicante e requirente della magistratura

Contatto diretto

Per contattarci chiamare il numero 0586.630625